Il prezzo del Bitcoin, la valuta digitale, supera i 4.200 dollari questo lunedì per la prima volta nei suoi nove anni di storia.
Sulla piazza statunitense Bitfinex, il Bitcoin tocca il massimo di 4.233,0 dollari per poi attestarsi a 4.211,4 dollari, con un balzo di 152,1 dollari, o del 3,75%.
Il valore del bitcoin è più che quadruplicato finora quest’anno, registrando un’impennata del 47% ad agosto. L’impennata implica che la capitalizzazione di mercato totale del bitcoin ha ora raggiunto i 69 milioni di dollari.
La valuta è schizzata ad una serie di massimi storici nelle ultime sedute in un clima di ottimismo per i tempi di transazione più veloci che potrebbero far aumentare la diffusione della cripto-valuta.
La scorsa settimana un nuovo software chiamato Segregated Witness, o SegWit, è stato adottato con successo da parte della blockchain che supporta il bitcoin. La presentazione di SegWit viene considerata una pietra miliare per la valuta.
Il software è stato sviluppato come soluzione al problema di ridimensionamento della cripto valuta, che ha portato ad una divisione, la cosiddetta “hard fork”, il 1° agosto quando la blockchain che supporta il bitcoin si è divisa in due, creando il Bitcoin Cash.
Il bitcoin ha ricevuto una grande spinta anche da Goldman Sachs che la scorsa settimana ha dichiarato che è sempre più difficile per gli investitori istituzionali ignorare l’ascesa delle cripto valute.
“Che crediate o meno negli investimenti in criptovalute (voi lo sapete), qui ci sono soldi veri in gioco” ha dichiarato la banca.