Esponi i tuoi banner sul forum
Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 21 a 30 di 34

Discussione: Ftse MIB

  1. #21
    Senior Member L'avatar di Marco1981
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,584
    vCash
    500
    Points
    71.46
    Banca
    5,379.02
    Total Points
    5,450.48
    Dona
    Eseguita, oggi, una netta inversione di marcia, da parte dell’indice FTSE MIB e dal suo contratto future. La seduta si è aperta con un significativo gap up ed è proseguita poi con un ulteriore allungo di altre due figure, portando la quotazione sino ad un massimo odierno di 22350 punti. il massimo toccato oggi, costituisce un primo valore di resistenza, seguita poi dalla successiva posta fra 22525 e 22670 punti. La reazione al movimento ribassista della scorsa settimana, quindi, si sta svolgendo in modo piuttosto veloce e preciso. La valutazione se quello visto oggi costituisca un movimento semplicemente correttivo o di nuova inversione di rotta, da ribassista a rialzista, è come sempre, affidata al comportamento che la quotazione adotterà, una volta eventualmente giunta sui valori di resistenza poc’anzi citati. Del resto, anche il precedente movimento ribassista, rispetto al massimo toccato a 22768 punti, non è ancora esattamente identificabile come reale inversione ribassista o come semplice correzione al movimento principale rialzista di medio periodo…siamo, insomma, ad un doppio test incrociato…l’esito del quale, almeno per il momento, non è ipotizzabile con precisione. La obiettiva sensazione, osservando il grafico dell’indice, del quale il contratto future è un derivato, è che pur essendo ancora possibile una ripresa del rally di medio periodo, si sia comunque già raggiunto un top di breve periodo il quale, se anche nuovamente testato nel brevissimo periodo, possa costituire una resistenza abbastanza difficile da superare. Nel caso in cui questa ipotesi si rilevasse affidabile, potremmo assistere ad un allungo ribassista di correzione orientata verso i valori compresi fra 21850 e 21450 punti. Relativamente all’andamento dell’indice, solo una netta e stabile violazione del precedente massimo posto a 23133 punti, potrebbe ora decretare la ripresa del rally di medio periodo che potrebbe ora porsi come nuovi target up a 23450 e 23780 punti circa. Per il momento è evidente che la fase di mercato appaia piuttosto contrastata. Il sentiment di fondo si mantiene sostanzialmente positivo, ma con un movimento di breve, invece, ancora quantomeno incerto, se non ribassista. Come sempre, è bene ricordare che indicazioni contrastanti suggeriscono grande cautela nel posizionarsi. Il livello che, relativamente all’indice può essere considerato quale “spartiacque” fra una azione preferibilmente rialzista ed una, invece, preferibilmente ribassista, si colloca attualmente in area 22425 punti .
    Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

  2. #22
    Senior Member L'avatar di Marco1981
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,584
    vCash
    500
    Points
    71.46
    Banca
    5,379.02
    Total Points
    5,450.48
    Dona
    Con riferimento all’indice FTSE MIB (24265 punti, +1.19%), la seduta odierna è stata caratterizzata da un movimento up che, dopo aver violato il precedente massimo a 24073 punti, ha proseguito la sua corsa al rialzo postando un nuovo massimo a 24305 punti. La quotazione dell’indice milanese, appare ora diretta verso il suo prossimo target tecnico posto fra i 24550 e i 24600 punti. Un primo livello di allerta, tuttavia, può essere considerato quello dei 24150 punti che, per quanto vicino, suggerisce grande prudenza, nel caso di stabile sua violazione ribassista. È utile, infatti, qui ricordare che l’allungo rialzista attuale presenta più d’un motivo per adottare grande prudenza, è possibile che, anche a seguito di nuovi spunti up, si possa assistere ad una inversione di breve rivolta ad una veloce correzione down, anche di notevoli proporzioni. Nonostante sia evidente la solida impostazione rialzista del mercato, che non sembra dare alcun motivo di dubitare della sua forza, non è certo da escludere la possibilità che in un improvviso aumento di volatilità, durante il quale si possa assistere a forti oscillazioni sia up che down. In quella eventualità sarebbero facilmente raggiunti stop loss anche piazzati piuttosto lontano dal corrente valore di mercato. Nell’immediato, a “presidiare” questo up rimane ora il minimo postato in data 25 aprile a 23680 punti. Il sentiment rimane certamente rialzista, con target ipotizzabili su livelli decisamente più alti del valore attuale e almeno in apparenza, sembra che una eventuale correzione ribassista sia subordinata alla violazione, magari temporanea del valore di 24550 (max. del 2009). Devo ribadire che durante le situazioni di questo tipo, durante le quali il mercato sembra del tutto orientato in una sola direzione, è necessario adottare la massima prudenza e un rigoroso money management. Uno storno ribassista, infatti, avrebbe ora dei livelli di riferimento così distanti dalla quotazione attuale, da non poter proprio essere ignorato.
    Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

  3. #23
    Senior Member L'avatar di Marco1981
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,584
    vCash
    500
    Points
    71.46
    Banca
    5,379.02
    Total Points
    5,450.48
    Dona
    Quando tutto sembrava volgere ad una prosecuzione del down con l’obiettivo del raggiungimento di nuovi minimi, ecco che, complice la diminuita incertezza sulla formazione di un nuovo governo, l’indice milanese rialza la testa, interrompe la discesa e si riporta, nel breve periodo, sin sulla prima resistenza di fase. Tutto, insomma, torna in discussione rendendo l’operatività nel brevissimo e breve periodo nuovamente incerta.
    Da un punto di vista squisitamente tecnico, è ancora in auge un movimento ribassista che per essere considerato tramontato, richiederebbe una stabile violazione rialzista del precedente massimo, postato a 24544 punti (indice) oppure 24174 punti (future 06/18). Relativamente all’indice FTSE MIB, una ripresa del down, avrebbe ora, in sequenza, gli obiettivi di 23400 e 22925/50 punti, con eventuale possibile ulteriore estensione al ribasso. Viceversa, se il rally riprendesse pienamente il controllo della situazione, i prossimi target rialzisti si potrebbero ipotizzare a 24465 e 24775 punti, con estensione sin verso i 25650 punti (breve periodo). Nel medio-lungo periodo, l’impostazione rimane rialzista ma considerata la lunga strada in salita già sin qui percorsa, una correzione down sarebbe effettivamente consona alla situazione attuale.
    Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

  4. #24
    Senior Member L'avatar di Marco1981
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,584
    vCash
    500
    Points
    71.46
    Banca
    5,379.02
    Total Points
    5,450.48
    Dona
    La quotazione del contratto Future FTSE MIB con scadenza a giugno 2018, si trova al momento a 23730 punti, in perdita del -0.11%, rispetto alla seduta precedente.
    Le primarie piazze europee risultano essere, sino a questo momento, in terreno cautamente negativo. Per quanto concerne l’indice Milanese, la seduta appare debole con un contrastato e contenuto ribasso durante il quale non sono mancate le reazioni up; in senso generale si potrebbe affermare quindi che, almeno per il momento, più che una discesa, oggi stiamo assistendo ad un andamento laterale, sulla fase in corso. D difficile interpretazione, quindi, i movimenti odierni, che non sono caratterizzati da una reale tendenza, continuando a muoversi in direzioni alternate. Contrastato anche il comparto dei titoli bancari che vede la metà circa dei titoli in guadagno e l’altra metà in perdita; su tutti svetta Banca MPS (MI:BMPS) che avanza del +3,87%. Il titolo peggiore di comparto è invece Banca Generali (MI:GASI) che cede, al momento, il -1.14%. Relativamente all’indice FTSE MIB, in caso di prosecuzione ribassista, si può ipotizzare ora un primo target sui valori compresi fra 23825 e 23725 punti. Nel caso in cui, invece, il rally trovasse la forza per riprendere, si potrebbe assistere al raggiungimento di valori compresi fra i 24250 e i 24380 punti circa. La tendenza di brevissimo è laterale.
    Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

  5. #25
    Senior Member L'avatar di Marco1981
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,584
    vCash
    500
    Points
    71.46
    Banca
    5,379.02
    Total Points
    5,450.48
    Dona
    Nella situazione attuale un primo livello “spartiacque”, di brevissimo periodo, si trova ora sull’indice FTSE MIB (24297) a 24250 punti circa, i target ribassisti che si proporrebbero in caso di down, sarebbero, in sequenza, quelli di 24150 e 23975 punti e in caso di ulteriore estensione, quelli di 23895 e 23725 punti. Viceversa, nel caso il rally proseguisse, si proporrebbero ora i target rialzisti di 24390, 24,475 e 24540 punti. Il trend di brevissimo periodo è sostanzialmente neutrale con leggera preferenza al rialzo.
    Ultima modifica di Marco1981; 16-05-2018 alle 00:49
    Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

  6. #26
    Senior Member L'avatar di Marco1981
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,584
    vCash
    500
    Points
    71.46
    Banca
    5,379.02
    Total Points
    5,450.48
    Dona
    Come ipotizzato, la volatilità ha visto una improvvisa impennata. Sin dall’apertura di stamane, avvenuta in evidente gap down, i movimenti sono stati veloci e di ampia estensione. L’alta volatilità odierna, si è sviluppata inizialmente solo in una direzione ribassista, per poi nella parte finale della seduta interessare anche movimenti rialzisti che, tuttavia, si sono mantenuti in un range molto più contenuto.
    Da un punto di vista tecnico è sicuramente da evidenziare come la quotazione sia, almeno per il momento, rimbalzata su quel primo supporto di fase qui precedentemente citato più volte e residente sui 23725 punti. Pur essendo, questo valore, stato ampiamente violato al ribasso (minimo odierno dell’indice postato a 23616 punti), l’azione del prezzo ha fatto “perno” proprio su di esso, risalendo con decisione sino a oltre 23900 punti, per poi ritornarvi prima della chiusura di seduta.
    Nella situazione attuale, un primo livello “spartiacque”, di brevissimo periodo, si trova ora sull’indice FTSE MIB a 23700 punti. Viceversa, nel caso il rally proseguisse, si proporrebbero ora ritorni della quotazione fra i 24000 e 24250 punti.
    Ultima modifica di Marco1981; 16-05-2018 alle 22:06
    Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

  7. #27
    Senior Member L'avatar di Marco1981
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,584
    vCash
    500
    Points
    71.46
    Banca
    5,379.02
    Total Points
    5,450.48
    Dona


    Punto di Pivot---> 23.742,20

    Supporto Fibonacci--> 23.595,10

    Resistenza Fibonacci----> 23.889,30

    Media Mobile favorevole andamento long: MA5 , MA10

    Media Mobile favorevole andamento short: MA20, MA 50, MA100, MA200
    Ultima modifica di Marco1981; 18-05-2018 alle 01:00
    Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

  8. #28
    Senior Member L'avatar di Marco1981
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,584
    vCash
    500
    Points
    71.46
    Banca
    5,379.02
    Total Points
    5,450.48
    Dona
    L’indice FTSE MIB (23449 punti) scende ormai da diverse sedute ma da martedì a oggi ha accelerato decisamente, perdendo qualcosa come 975 punti (-2.94%). Tuttavia, questa discesa così violenta e inaspettata, se contestualizzata all’interno dell’ultimo rally, non appare affatto come un movimento così “anomalo”, anzi…è probabile che il down debba estendersi ancora, almeno sin verso i 22975 o 22275 punti, a seconda della forza che questa correzione vorrà esprimere. In realtà un vero e proprio problema per il rally di fondo, si materializzerebbe solo in caso di una stabile violazione down del minimo posto a 21460 punti…quindi molto più in basso dell’attuale livello. Per ora, quindi, appare del tutto prematuro farsi assalire dal dubbio che sia definitivamente tramontata la fase di impulso rialzista. La constatazione che non ci siano altri valori di concreto riferimento, almeno per ora, è una delle poche certezze che questa fase di mercato ci offre. Pur non potendo, ovviamente, escludere che il rally di medio-lungo periodo si sia esaurito, ci sono diverse considerazioni di carattere tecnico che testimoniano a favore dell’ipotesi che l’attuale movimento possa costituire una semplice correzione ad un trend up, ancora in essere e orientato verso nuovi massimi. Non in questo momento, pertanto, ma grazie ai successivi movimenti, potremo meglio comprendere quali siano le reali intenzioni del mercato per il medio-lungo periodo. Rimaniamo quindi in attesa di vedere eventualmente raggiunti i valori di “verifica” sopra indicati, per verificare cosa succederà. Al momento teniamo d’occhio il primo valore “spartiacque” rappresentato dai 23580 punti, questa è una soglia di riferimento fissa, sia per movimenti rialzisti che ribassisti. Una prosecuzione a sud che giungesse direttamente sui valori di 22975 oppure 22275 punti, costituirebbe occasione per valutare la possibilità di ricaricare i long…almeno allo stato attuale dei fatti.
    Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

  9. #29
    Senior Member L'avatar di Marco1981
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,584
    vCash
    500
    Points
    71.46
    Banca
    5,379.02
    Total Points
    5,450.48
    Dona
    Era iniziata bene la seduta odierna, con un’apertura in gap rialzista e un solido guadagno...ma è durata poco, i venditori hanno preso d’assalto l’indice italiano che durante il passare delle ore, è stato fatto letteralmente sprofondare. Sotto un “fuoco pesante” e continuo di vendite, si sono ritrovati i titoli bancari che, anche nella seduta odierna, sono precipitati con percentuali di perdita rilevanti. Titoli che sino a qualche giorno fa venivano acquistati a piene mani salendo vertiginosamente, ora sono oggetto di corpose vendite. Certamente la situazione politica interna al nostro Paese sta provocando una grande incertezza e non solo…l’opinione pubblica è spaccata in due e lo scontro fra i sostenitori del presidente Mattarella e la sua iniziativa ed i suoi critici è su livelli molto alti. Le posizioni si sono radicalizzate e difficilmente saranno conciliabili. Le probabilità che il prof. Cottarelli ottenga la fiducia in Parlamento appaiono piuttosto scarse, pertanto, lo scenario più probabile, almeno allo stato attuale delle cose, sembra essere quello di un ritorno alle urne dopo il mese di agosto come dallo stesso presidente incaricato già ipotizzato nella sua conferenza stampa. Ciò che, tuttavia, non si può fare a meno di rilevare, è che quanto sta accadendo sia il risultato di più forze all’opera contemporaneamente e non già della sola situazione politica. Sembra infatti che oltre alla diatriba fra il presidente Mattarella e i due partiti che avrebbero dovuto formare il governo, stia intervenendo anche una normale correzione ribassista, relativa ad una fase di mercato che per troppo tempo è rimasta esclusivamente rialzista. L’attuale alta volatilità sembra quindi essere la risultante delle due forze sommate. Se così fosse, la strada verso il ribasso potrebbe essere ancora lunga e i valori da monitorare, per quanto riguarda l’indice FTSE MIB, diverrebbero, in sequenza, quelli di 20150 prima e 18200 punti circa, in eventuale estensione down. Al momento attuale, essendo stata violata in modo deciso quella soglia spartiacque di medio lungo periodo residente a 22370 punti, il trend potrebbe rimanere ribassista e diretto verso gli obiettivi poco sopra ipotizzati. Una ripresa del rally, viceversa, verrebbe decretata da una quotazione stabilmente oltre il precedente massimo raggiunto a 24544 punti. Il trend rialzista di fondo durato così a lungo è ora certamente in discussione…non si può comunque ancora affermare che il trend up si sia estinto.
    Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

  10. #30
    Senior Member L'avatar di Marco1981
    Data Registrazione
    Nov 2016
    Località
    Milano
    Messaggi
    2,584
    vCash
    500
    Points
    71.46
    Banca
    5,379.02
    Total Points
    5,450.48
    Dona
    Osservando il grafico mensile, ci si può facilmente rendere conto come, a partire dal mese di ottobre del 2017 e arrivando al mese di maggio 2018, il mercato sia andando via via costruendo minimi progressivamente discendenti, contro massimi progressivamente ascendenti, disegnando così, la classica figura del “megafono”, figura tecnica fra le più complesse da “tradare”. Gli estremi della figura, nel caso attuale, distano la bellezza di 3422 punti, che corrispondono al range totale dello scorso mese di maggio 2018. Il “megafono” indica una forte indecisione del mercato che non riesce a prendere una direzione definita e spesso anticipa una inversione di trend. Nel calcolo delle probabilità, venendo da un lungo periodo di forte trend rialzista, questa figura dovrebbe indicarci una inversione ribassista. Il condizionale è ovviamente d’obbligo in quanto il mercato potrebbe smentire l’ipotesi, ma diciamo che le probabilità che ciò succeda, in questo caso specifico, sembrano non essere così elevate. Per questo motivo è ragionevole pensare di andare alla ricerca di un punto d’entrata short, dal quale poi tentare di sfruttare la potenziale discesa in possibile preparazione. A tal proposito si può ipotizzare come interessante per la vendita l’area compresa fra i 22600 e 23370 punti (sia Future che Indice). È senz’altro prematuro parlare di eventuali target down, ci sarà il tempo, eventualmente, per definirli. Obbligatorio, in ogni caso, uno stop oltre i 24575 punti. A 22000 punti il primo valore “spartiacque”.
    Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •