Janet Yellen è il nuovo governatore della Fed

yellenUn po’ di respiro per gli Stati Uniti, che alle prese con l’ipotesi del default, risolvono il nodo cruciale del dopo Bernanke. Sarà Janet Yellen, attuale vicepresidente della FED, a sedere al vertice della Banca Centrale. Per la prima volta nella storia, una donna ricoprirà il ruolo che come importanza è secondo solo a quello del presidente degli Stati Uniti.
L’annuncio formale verrà dato da Obama questa sera alle 21 e l’incarico diverrà effettivo da gennaio del prossimo anno.
Ma chi è Janet Yellen? Esperta di disoccupazione, 66 anni, democratica, con una grande esperienza alle spalle. Nasce a Brooklyn da genitori che hanno vissuto la Grande Depressione. Frequenta la Brown University, dove conosce il professore James Tobin, premio nobel per l’economia. Dopo la laurea vince una cattedra all’università di Harvard. Nel 1977 entra a far parte della FED, con il ruolo di economista. Successivamente ha ricoperto la carica di consigliera del Federal Open Market Committe per poi essere nominata presidente della Federal Reserve di San Franciso. Dal 2010 è il vicepresidente della Banca Centrale.
La Yellen è una colomba dichiarata, fu proprio lei a sostenere Bernanke contro gli attacchi dei falchi, che avrebbero voluto una riduzione repentina degli stimoli. Bernanke e la Yellen hanno sempre sostenuto che chiudere i rubinetti in un momento, in cui in America sussistono 20 milioni di disoccupati, avrebbe avuto conseguenze molto negative.
La risoluzione di questo nodo cruciale ha dato un pò di sollievo al dollaro americano, già alle prese con lo shutdown e il tetto del debito. Il movimento rialzista è comunque da intendere come un segnale emotivo, che molto difficilmente potrà avere una continuazione, fino a quando non sarà scongiurata l’ipotesi del default.

dollar index

Incertezza, invece, per gli indici azionari. Nel grafico giornaliero vediamo l’indice dello Standard&Poor’s che al momento della scrittura sta disegnando una candela doji.

spx500

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *